invia mail Home

NOTE STORICHE

   L'idea di questo progetto è sorta a Rino Zocchi anni fa, intorno al 2000, dopo aver notato che in campo sci alpinistico in senso lato, sportivo, scientifico e culturale, molte persone, sia dentro che fuori dal settore didattico, avevano svolto e svolgevano ancora a livello personale un'intensa attività non conosciuta ai più ed aver inoltre verificato che tutto ciò era stato effettuato senza esser stato riferito ad un'entità, ad un gruppo che potesse divulgare, suggerire e soprattutto valorizzare quanto dette persone avevano realizzato.
Ha pensato quindi di continuare in questo suo studio e in questa sua ricerca per creare un Gruppo in grado di riunire sci alpinisti in possesso di un curriculum di qualità.
Poi ha esternato questo suo concetto ad altre persone che riteneva fossero interessate a dar vita all'idea. Alcune, vedendo nel programma qualcosa di nuovo e di difficile attuazione, altre , avendo già impegni ed iniziative in corso, altre ancora ritenendo di non poter fruire di ritorni gratificanti nell'immediato, non hanno voluto esporsi.
Nel 2003 un valido sciatore alpinista, Eugenio Porro, si è dichiarato subito disponibile a procedere su questa linea e con lui ha effettuato ulteriori sondaggi; poi ne ha parlato con un altro esperto nel settore, Paolo Civera, che si è detto immediatamente favorevole all'iniziativa.
Nel 2007 infine con la valida e fattiva condivisione del piano d'azione da parte di Angelo Brambilla, persona molto nota nell'ambiente dello sci alpinismo col quale sono intercorsi numerosi contatti e dal quale sono emersi suggerimenti che si sono rivelati illuminanti, e poi con l'ausilio di Giacobbe Barindelli prima, Lorenzo Gorla e Vittorio Bedogni poi, che hanno espresso peraltro i loro pensieri e le loro puntualizzazioni, Zocchi ha continuato a proseguire nel suo intento interpellando e ottenendo l'adesione di altri sci alpinisti favorevoli e col loro aiuto addivenire ad un'attuazione pratica del progetto.
 
Si trattava a questo punto di trovare giusti ed importanti contenuti per dar luogo alla creazione del Gruppo stesso e trovati questi bisognava in conseguenza impostare uno Statuto che contenesse semplici ed essenziali linee guida ed un Regolamento che indicasse come doveva essere condotto e quali caratteristiche dovevano possedere i futuri Soci.
Tutti i Promotori che hanno condiviso questa idea si sono impegnati a fornire le loro idee ed i loro consigli , dettati dalla lunga e qualificata esperienza personale , contribuendo così a dar corpo a queste intenzioni come primi Soci Fondatori del Gruppo.
Dopo una prima stesura e successive rettifiche ed aggiustamenti, detti Documenti sono stati divulgati a tutte le persone interpellate, che si è ritenuto di convocare in una riunione collegiale per discutere su ogni particolarità.
Peraltro prima di dar corso a detta riunione i Promotori hanno ritenuto di espletare un passaggio obbligato e cioè quello di sottoporre ad una Sezione del Club Alpino Italiano la richiesta di ospitare il Gruppo i cui Soci avrebbero dovuto comunque essere considerati Aggregati. La Sezione prescelta è stata quella di Como al cui Consiglio Direttivo è stato presentato sia lo Statuto che il Regolamento del Gruppo identificato con la seguente denominazione:

GRUPPO ACCADEMICO ITALIANO SCI ALPINISMO - GAISA

   In data 12 Settembre 2008 l'entità deliberante della Sezione di Como del Club Alpino Italiano ha approvato all'unanimità sia la costituzione del nuovo Gruppo sia il suo Statuto ed il suo Regolamento.
La convocazione degli sci alpinisti tendente ad ottenere attraverso una loro libera scelta l'adesione all'iniziativa, che assegnerà loro il titolo di Soci Fondatori, è stata fissata per il 18 Settembre 2008 a Como presso la Sede della locale Sezione del Club Alpino Italiano ed è stata impostata su una preliminare relazione esplicativa effettuata dai Soci Promotori e su un successivo ordine del giorno comprensivo di ogni argomento ritenuto indispensabile.

GESTIONE SOCIALE

I concetti più significativi della presentazione del Gruppo sono stati individuati in alcuni punti essenziali che verranno sintetizzati nel corso della riunione del 18 Settembre 2008.
L'approvazione dello Statuto e del Regolamento, Atti costitutivi nei quali detti argomenti sono pure contenuti e descritti, sottintende anche la condivisione di quanto è qui di seguito indicato.

STATUTO E REGOLAMENTO
In detti documenti.oltre che ai fatti sportivi, comunque molto importanti, dovranno figurare, essere tenuti ben presenti e messi in evidenza da subito anche altri valori, massimamente individuabili in quelli scientifici e culturali.
Queste caratteristiche sono state definite in termini brevi e chiari e dovranno evidenziare valori d'eccellenza per poter offrire a tutti gli appartenenti al Gruppo la possibilità di partecipare ed operare su più fronti.
Gli interpellati, a larga maggioranza , hanno dichiarato di condividere il pensiero, di offrire la propria disponibilità a costituirsi come garanti del progetto e di acconsentire alla sottoscrizione di entrambi gli atti. In questa specifica riunione i convocati favorevoli assumeranno la qualifica di "Soci Fondatori."
La prima Assemblea Ufficiale per l'elezione delle previste carche sociali verrà convocata in seguito e comunque entro il 31 Marzo 2009. In questo periodo intermedio, per poter far aderire nuovi Soci, si determinerà la necessità di nominare alcuni Soci Fondatori come Reggenti per dar loro la possibilità di svolgere le normali mansioni di gestione ordinaria del Gruppo.
 
I candidati proposti dovranno essere in possesso di una qualificata attività che rientri in quanto previsto dagli Atti costitutivi del Gruppo.

AMMINISTRAZIONE
Per quanto riguarda l'aspetto amministrativo, come già esposto, il Gruppo farà parte integrante della Sezione di Como e sarà costituito da Soci aggregati alla stessa, i quali però manterranno immutata la loro posizione con la Sezione di appartenenza, che ne verrà informata.
Il Gruppo avrà un'autonomia gestionale, ma dovrà sottoporre alla Sezione di riferimento rendiconti conoscitivi, tecnici e finanziari sull'attività svolta.
Il futuro del Gruppo dipenderà essenzialmente dal numero dei suoi componenti in quanto la qualità del loro curriculum sarà già stata giudicata eccellente nella fase della loro ammissione.
La Sezione di Como ospiterà fisicamente il Gruppo concedendogli la possibilità di effettuare riunioni, di depositare i suoi supporti cartacei e di aprire uno spazio Web personalizzato, il tutto a sue spese.

FINANZA
Per il momento le necessità finanziarie del Gruppo non richiederanno particolari interventi. Le quote, da versare durante l'assemblea costituente e quindi entro la fine di Marzo 2009, saranno da ritenersi puramente simboliche e saranno composte da una aliquota una tantum di iscrizione (5€) e da una aliquota annua (5€).Detti importi saranno incassati dalla Sezione di Como e girati interamente al Gruppo.

CONCLUSIONI
I Promotori hanno ritenuto utile dover puntualizzare queste considerazioni prima di entrare nel vivo dei lavori da affrontare nella prima Convocazione costituente; si aspettano ovviamente che tutti i partecipanti nell'ambito delle loro possibilità supportino con impegno l'iniziativa, diffondano i propositi del Gruppo e si attivino per annoverare altri Soci, sopratutto giovani.
I Promotori hanno già dei progetti in cantiere che verranno esternati ai Soci, liberi di parteciparvi o meno, e che si spera possano essere realizzati già nella primavera del prossimo anno.
Ci si aspetta che il più presto possibile vengano espressi giudizi costruttivi che possano migliorare i principi ispiratori del Gruppo.

PRESENTAZIONE DEL GRUPPO

   La riunione preliminare, indispensabile per dare vita al Gruppo, si svolgerà presentando a cura dei Promotori gli argomenti messi all'ordine del giorno, per poi porli in discussione ed in approvazione a tutti gli intervenuti; fra questi ultimi saranno compresi anche coloro che per impegni precedentemente assunti non potranno partecipare, ma che comunque hanno già fornito per iscritto il loro assenso allo Statuto ed espresso la volontà di essere considerati come Soci Fondatori.
Ad ore 21:30 ha inizio la seduta ed il Presidente del Club Alpino Italiano di Como Avv. Vittorio Gelpi dà il benvenuto ai presenti e dichiara che il Consiglio Direttivo della Sezione
ha accettato di buon grado e all'unanimità la proposta inoltrata e commentata da Zocchi tendente ad ottenere di includere fra le attività sociali della Sezione Comasca un nuovo Gruppo composto da persone che hanno operato a livello elevato nel settore dello sci alpinismo e di ospitarne la sua sede. Auspica inoltre che lo stesso abbia un futuro ricco di risultati positivi da conseguire nell'ambito di detta disciplina secondo le sue prospettate finalità.
I convocati sono 27 persone aventi riconosciuta e qualificata attività in campo sci alpinistico, dei quali 19 sono presenti ed 8 assenti per giustificati motivi.
Fra i presenti figurano Giacobbe Barindelli (Como) -Guido Barindelli (Esino) -Vittorio Bedogni (Legnano) -Mario Bonacina (Lecco) -Angelo Brambilla (Milano) -Giacomo Casartelli (Inverigo)-Paolo Civera (Sondrio) -Guido Coppadoro (Milano) -Camillo Della Vedova (Sondrio) -Luciano Gilardoni (Como) -Lorenzo Gorla (Como) -Giovanni Kappenberger (Lugano) -Franco Maestrini (Nembro) -Edoardo Martinoli (Como) -Eugenio Porro (Moltrasio) -Paolo Taroni (Moltrasio) -Marco Zappa (Como) -Rino Zocchi (Como) -Sergio Zoia (Lecco).
Fra gli assenti giustificati e consenzienti per iscritto alla sottoscrizione dello Statuto e del Regolamento ed essere considerati Soci Fondatori figurano Roberto Bez (Milano) - Loris Bonavia (Domodossola) -Elvio Boreatti (Castellanza) -Romano Cattaneo (Caslino d'Erba) -Maurizio Dalla Libera (Vicenza) - Luigi Raimondi (Dervio) -Giorgio Riva (Moltrasio) - Ferruccio Sala (Como).
Viene dato inizio ai lavori come previsto dall'Ordine del giorno precisato qui di seguito.

ORDINE DEL GIORNO RIUNIONE 18 SETTEMBRE 2008

1) Relazione dei Promotori.
2) Presentazione , discussione ed approvazione dello Statuto.
3) Presentazione , discussione ed approvazione del Regolamento.
4) Nomina Soci Fondatori con sottoscrizione Statuto e Regolamento.
5) Nomina Soci Fondatori Reggenti sino Assemblea entro il 31 03-2009.
6) Eventuali e varie.

1) RELAZIONE DEI PROMOTORI
Si dà corso all'intervento dei due Relatori Brambilla e Zocchi.
Brambilla illustra le caratteristiche generali del progetto che ritiene di grande interesse in quanto si propone di considerare l'attività sci alpinistica d'eccellenza sotto vari aspetti quali quello sportivo,quello scientifico e quello culturale, tutti importanti nell'ambito di detta disciplina.
Zocchi espone come è sorta l'idea anni prima, esternata e condivisa da altre persone competenti nello sci alpinismo, ed inoltre commenta le linee essenziali che hanno dato forma e sostanza ai due Documenti essenziali, lo Statuto ed il Regolamento, per la costituzione del Gruppo, documenti che peraltro erano già stati sottoposti in precedenza a tutti i convocati.
I due relatori comunicano che il Gruppo avrà la seguente denominazione:
GRUPPO ACCADEMICO ITALIANO SCI ALPINISMO
Il suo acronimo sarà GAISA ed i suoi Soci denominati Accademici. Pur mantenendo immutata la loro posizione presso la Sezione di appartenenza, che ne verrà informata , saranno considerati Aggregati alla Sezione di Como del Club Alpino Italiano dove il Gruppo avrà la sua Sede.
  

2) PRESENTAZIONE, DISCUSSIONE E APPROVAZIONE DELLO STATUTO.
Dai due Relatori vengono letti i 18 articoli dello Statuto ed aperta la discussione su detto documento che costituirà la base del lavoro futuro.
Gli interventi tendenti ad ottenere dai Relatori chiarimenti e precisazioni sono stati parecchi e sono stati formulati nell'ordine da: Gilardoni -Civera-Bedogni -Zoia -Coppadoro -Taroni -Bonacina -Maestrini -Casartelli -Kappenberger -Porro -Martinoli - Barindelli -Gorla -Zappa.
Brambilla e Zocchi in quanto iniziatori del progetto forniscono unicamente delucidazioni.
Per definire con maggior chiarezza l'approvazione dello Statuto Zocchi richiede ad ogni presente la disponibilità ad accettare e a sottoscrivere detto Atto, così come è stato impostato, e anche l'assenso di ciascuno a voler far parte del Gruppo come Socio Fondatore.
Per entrambe le richieste si esprimono favorevolmente 18 dei presenti, mentre 1 solamente è contrario; gli 8 assenti avevano già dichiarato per iscritto di condividere e di accettare quanto sopra indicato.

3) PRESENTAZIONE, DISCUSSIONE E APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO.
Anche il Regolamento viene letto interamente e discusso in tutti i suoi 5 articoli.
Viene peraltro approvato apportando due rettifiche che sono condivise da tutti i presenti:
- nell'articolo "2 -Soci "il periodo di svolgimento delle ascensioni viene portato da 5 a "8 anni";
- nell'articolo "4 -Consiglio Direttivo" alla sua durata di tre anni rinnovabile per un massimo di due mandati, viene aggiunto "consecutivi".

4) NOMINA SOCI FONDATORI CON SOTTOSCRIZIONE STATUTO E REGOLAMENTO.
Vengono pertanto nominati 26 Soci Fondatori del Gruppo Accademico Italiano Sci Alpinismo, i quali ne sottoscrivono sia lo Statuto che il Regolamento. Gli assenti assolveranno il loro compito alla prima occasione favorevole. Tutti i loro nominativi con la Sezione di appartenenza sono indicati in apposito elenco.

5) NOMINA SOCI FONDATORI REGGENTI SINO ASSEMBLEA ENTRO 31 03-2009.
Allo scopo di poter gestire il Gruppo sino all'Assemblea che si terrà entro il 31 Marzo 2009 vengono nominati Reggenti: Giacobbe Barindelli - Angelo Brambilla - Paolo Civera - Eugenio Porro - Rino Zocchi.
Gli stessi potranno svolgere i seguenti compiti:
- operare nell'ambito delle regole previste dallo Statuto e dal Regolamento.
- promuovere con i Fondatori l'ammissione di nuovi Soci ed effettuarne la valutazione e la ammissione,
- aprire un nuovo sito Internet " www.GAISA.it ",
- incaricare un grafico per la creazione di un logo,una tessera personalizzata,una pagina Internet,
- organizzare possibilmente qualche iniziativa suggerita anche dai Soci,
- predisporre l'Assemblea dei Soci entro il 31 Marzo 2009,
- mantenere e stimolare i contatti con e fra i Soci,
- prendere decisioni per una gestione ordinaria del Gruppo.

6) EVENTUALI E VARIE.
Durante la fase conclusiva della riunione da alcuni Soci viene esternata una proposta che merita considerazione.
Il suggerimento è quello di valutare in futuro eventuali possibilità di collaborare con altre organizzazioni similari esistenti nel Club Alpino Italiano e fra queste eventualmente anche col Club Alpino Accademico Italiano con il quale vi sono molti punti di interesse comune.
Quanto richiesto verrà prospettato nella riunione della prossima Assemblea.

Ad ore 24 precise la riunione viene chiusa e si dà corso ad un brindisi inaugurale.


AGGIORNAMENTO

A distanza di oltre un anno dalla data storica di costituzione del GAISA e dopo alcuni articoli apparsi sulla stampa con l'annuncio della sua costituzione da un lato e la contestazione del C.A.A.I. dall'altro , il Presidente della Sezione di Como Vittorio Gelpi ed i componenti in carica del Direttivo del G.A.I.S.A. Zocchi, Brambilla, Barindelli, Civera, Porro hanno ricevuto dal Comitato Direttivo Centrale del C.A.I. la trasmissione di una richiesta di applicazione di provvedimenti disciplinari a loro carico datata 23 Novembre 2011 a firma del Presidente del C.A.A.I. nella quale si è indicato di intervenire contro gli stessi per diffidarli dal proseguire nell'uso del nome dato al Gruppo e nella indicazione in tutti i documenti dei riferimenti relativi al termine "accademia".
Dopo una replica del nostro Gruppo nella quale si sono esplicitate le motivazioni per cui il nostro operato era da ritenersi valido e non in contrasto con le disposizioni statutarie e regolamentari del C.A.I. Centrale , il Comitato Direttivo Centrale dell'Ente ha deciso e intimato agli indagati con provvedimento immediato di effettuare le modifiche relative dopodiché ogni accusa espressa nei lori confronti sarebbe stata prosciolta.
A seguito di tale decisione il Gruppo comunque non si è certo fermato continuando ad esprimersi con le proprie idee e la propria attività, anzi ha proseguito con rinnovata lena a portare a termine i suoi programmi.
Nelle Assemblee che sono seguite a tali disposizioni e precisamente in quelle sia Ordinarie che Straordinarie , tenutesi il 20 Dicembre 2011 e l'11 Giugno 2012, è stato deciso di mantenere la dizione G.A.I.S.A. per il gruppo specificandone l'acronimo in: Gruppo Amici Internazionali Sci Alpinismo
e di effettuare pertanto le conseguenti rettifiche sia nello Statuto che nel Regolamento già esistenti.
Questo spiacevole accaduto ha destato delusione e rammarico in tutti i Soci del nostro Gruppo, i quali peraltro hanno manifestato il loro apprezzamento al Presidente Generale del C.A.I. Umberto Martini per il suo tentativo di sanare la vertenza mediante un'unificazione dei due Gruppi in presenza di nuove regole da concordarsi bilateralmente. Detto concetto è stato espresso in una riunione di confronto fra le parti ; questa possibilità è stata accettata dal G.A.I.S.A., ma è stata negata categoricamente dal C.A.A.I. nonostante sia stata condivisa singolarmente da diversi "accademici".

Con la fine del 2016 si è concluso l’ottavo anno di esistenza del nostro Gruppo . E’ stato un periodo molto intenso durante il quale sono state positivamente organizzate e portate a termine importanti iniziative , impostate dal Gruppo , ma anche dai nostri Soci individualmente .
Ci preme mettere in evidenza la perfetta riuscita di 6 Raduni Internazionali effettuati in località sempre diverse e di grande interesse sci-alpinistico quali :Montespluga(So) , Bivio (CH) ,Dobbiaco (Bz) , Schilpario (Bg) , Nèvache (FR) , Domodossola (VB) e di 5 spedizionI di notevole importanza svolte oltre le Alpi e gli Appennini . Ci riferiamo a : Groenlandia , Georgia , Bolivia 1 , Bolivia 2 , Norvegia . In particolare nel corso di una di esse è stata conclusa , fra le altre montagne , la prima mondiale assoluta in salita e discesa con gli sci del Nevado Chearoco idi mt . 6.147 in Bolivia .
Dai Soci sono state anche concluse ascensioni fra le più importanti delle Alpi , degli Appennini ,dei Pirenei , dei Tatra , dei Carpazi , della Norvegia , dell’Alto Atlante ed inoltre la prima assoluta con gli sci , in salita e discesa del Nevado Colzada - mt. 5800- in Bolivia.
In sintesi citiamo dati al 31 Dicembre 2016 , riguardanti la situazione e la composizione dei nostri Soci :
-65 Numero totale di cui 32 Istruttori Nazionale del C.A.I.-INA-INSA-INSFE, 1 equivalente del CAF , 1 equivalente del CAS , 1 equivalente USA , 10 Regionali -IA e ISA , 2 Accademici , 11 appartenenti al CNSAS ; fra di loro figurano anche 5 Past President ed il Presidente in carica della CNSASA.
Nel corso dell’Assemblea dei Soci del 18-4-2015 tenutasi a Domodossola è stato eletto il nuovo Consiglio Direttivo per il triennio 2015/2017 composto dai Soci Barindelli , Brambilla,Colombo,Della Vedova ,Negri,Porro e Zocchi eleggendo poi come Presidente Zocchi e Vice Brambilla.
Le intenzioni future del GAISA sono quelle di riappropriarsi della sua dizione originaria atteso che lo stesso ha svolto , svolge e svolgerà sempre ogni suo programma senza ottenere fondi ; tutto ciò che concreta è a esclusivo carico dei singoli non avendo nessun introito nè dal Sodalizio a cui appartiene e al quale dedica peraltro oltre alla propria attività anche altri determinanti incarichi nel settore didattico e organizzativo. , e tanto meno elargizioni e sponsor.
Il GAISA ha anche l’intenzione di potenziare sempre più il proprio organismo puntando sopratutto sui giovani proposti e desiderosi di partecipare alle molteplici iniziative di pertinenza dello sci alpinismo.
Per il suo prossimo decennale il Gruppo si propone di organizzare manifestazioni eclatanti nel settore ad esso congeniale .


invia mail Home la storia del Gruppo Statuto e Regolamento del Gruppo Organi direttivi del Gruppo i Soci aderenti al Gruppo Moduli per aderire al Gruppo l'attività proposta ai soci del Gruppo